CiaspoleConsigli praticiEscursionismo/TrekkingIl racconto del giorno dopo...Scale di difficoltàScialpinismo
Alpe DeveroSvizzeraVal BognancoVal GrandeVal VigezzoValle AnzascaValle PesioValle Strona
Agosto 2012Aprile 2012Gennaio 2012Dicembre 2011Settembre 2011Agosto 2011Giugno 2011Maggio 2011Aprile 2011Gennaio 2011Dicembre 2010Novembre 2010Settembre 2010Agosto 2010Luglio 2010Maggio 2010Gennaio 2010Dicembre 2009Novembre 2009Ottobre 2009Settembre 2009Giugno 2009Aprile 2009Gennaio 2009
Camminiamo Hotel Rigoli Libreria Monti in città Vie Normali Il Nido di Cicogna In Valgrande Lago Maggiore Adventure Park

Lago di Ragozza.Val Bognanco

22 Gennaio 2011

Lago di Ragozza.Val Bognanco Località della Gita: Lago di Ragaozza; Italia
Nome della Cima: Lago di Ragozza m. 1958 s.l.m.
Esposizione: NW
Difficoltà: E; MS
Dislivello effettivo: m.450 (dato GPS)
Distanza salita e discesa: Km.10 (dato GPS)
Tempo totale salita e discesa: circa 3 h30'
Cartografia: Carta Nazionale Svizzera 1:50 000 foglio 275 Valle Antigorio.
Periodo consigliato: In tutte le stagioni. Anche con abbondante innevamento è un'escursione sicura.
Bollettino Meteo della zona
Copertura telefonia cellulare: Scarsa copertura di telefonia cellulare.
Rifornimento di acqua: Buono il rifornimento di acqua lungo il percorso.
Punto di ristoro/colazione/merende: Al rientro merita una merenda presso il Ristorante Rossi in frazione San Lorenzo.Tel 324-243990. I gestori veramente gentili e simpatici, non lesineranno nel raccontarvi della lupa...della Val Bognanco.

Accesso Stradale:Da Gravellona Toce si prosegue sulla superstrada seguendo le indicazioni per l'uscita di Domodossola. Dopo l'uscita si seguono le indicazioni per la val Bognanco. La strada sale tortuosa fino a San Bernardo. Durante il periodo invernale è consigliato informarsi sulla percorribilità della strada che sale a San Bernardo.

Descrizione dell'itinerario:Questa facile escursione, è percorribile anche dopo una abbondante nevicata. Dal parcheggio di San Bernardo ci si avvia su di un'ampia mulattiera che si inoltra in un fitto bosco di abeti bianchi e rossi. Si arriva ad un cartello indicatore, con indicato Rifugio Gattascosa è questo il segnale per svoltare a destra. Si attraversa un ruscello e si incomincia a salire. Al termine della salita si arriva in un tratto pianeggiante che immette in un ampio pianoro torboso, un tempo occupato da un laghetto. Si attraversa tutto il pianoro e si riprende a salire lungo la costa detritica fino ad arrivare alla conca dove è adagiato il Lago di Ragozza. Consigliato, per il ritorno, proseguire verso il Rifugio Gattascosa, portarsi all'alpe Monscera m.1978 s.l.m. e con un percorso ad anello ritornare a San Bernardo.

    Pubblicato in Ciaspole   |  Commenta [0]

Punta del Campanile.Scialpinismo Val Sorba

16 Gennaio 2011

PUnta del Campanile PUnta del Campanile 2 PUnta del Campanile 3 PUnta del Campanile 4 Località della Gita: Val Sorba (Valsesia); Italia
Punto di partenza: Rassa m.917 s.l.m.
Nome della Cima: Punta del Campanile m.2145 s.l.m.
Esposizione: NE, N, NO
Difficoltà: PD, BS
Dislivello effettivo: m. 1220 (dato GPS)
Distanza salita e discesa: Km. 13 (dato GPS)
Tempo totale salita e discesa: circa 4,30 ore
Cartografia: IGM 1:25 000 Foglio 30 Sezione III Carpentogno; Carta Nazionale Svizzera 1:50 000 foglio 294 Gressoney
Periodo consigliato: Dicembre-Aprile
Bollettino Meteo della zona
Bollettino Valanghe
Copertura telefonia cellulare: Scarsa coperture telefonia cellulare
Punto di ristoro/colazione/merende:

Descrizione dell’itinerario: Arrivati a Rassa, parcheggiate l’auto nel parcheggio dopo il ponte e imboccate la strada che si inoltra nella Val Sorba. La strada termina in prossimità dell'alpe Cottura m.1055 s.l.m. Si continua, costeggiando la sinistra orografica del torrente Sorba fino ad incontrare le belle baite dell'alpe Campello, Sorba fino ad arrivare al ponte di Prabella m.1180 s.l.m. Attraversate il ponte e iniziate la ripida salita nel fitto bosco di faggi fino ad arrivare al bellissimo alpeggio dell'alpe Sorbella m.1636 s.l.m. Con le baite alle spalle, individuate di fronte a voi la Bocchetta dei Fornei m. 1980 s.l.m. Puntate al caratteristico dente della Bocchetta percorrendo un canale abbastanza ripido. Arrivati alla Bocchetta con una lunga traversata a semicerchio si raggiunge la cresta NE che in breve vi porterà sulla vetta della Punta Campanile m.2145 s.l.m. La discesa è affrontata lungo lo stesso itinerario di salita.

    Pubblicato in Scialpinismo   |  Commenta [0]

© 2009 Montagnamente.it - P.Iva 01277860035 - Regolamento - info@montagnamente.it