CiaspoleConsigli praticiEscursionismo/TrekkingIl racconto del giorno dopo...Scale di difficoltàScialpinismo
Alpe DeveroSvizzeraVal BognancoVal GrandeVal VigezzoValle AnzascaValle PesioValle Strona
Agosto 2012Aprile 2012Gennaio 2012Dicembre 2011Settembre 2011Agosto 2011Giugno 2011Maggio 2011Aprile 2011Gennaio 2011Dicembre 2010Novembre 2010Settembre 2010Agosto 2010Luglio 2010Maggio 2010Gennaio 2010Dicembre 2009Novembre 2009Ottobre 2009Settembre 2009Giugno 2009Aprile 2009Gennaio 2009
Camminiamo Hotel Rigoli Libreria Monti in città Vie Normali Il Nido di Cicogna In Valgrande Lago Maggiore Adventure Park

Cima Sasso.Escursionismo Val Grande

22 Giugno 2009

Cima Sasso Località della Gita: Val Grande; Italia
Punto di partenza: Cicogna m. 732 s.l.m.
Nome della Cima: Cima Sasso m. 1916 s.l.m.
Esposizione: SE, E
Difficoltà: E
Dislivello effettivo: m. 1326 (dato GPS)
Distanza salita e discesa: Km 11,650 (dato GPS)
Tempo totale salita e discesa: circa 5 ore
Cartografia: Carta Nazionale Svizzera 1:50 000 foglio 285T Domodossola
Periodo consigliato: Primavera/Autunno
Bollettino Meteo della zona
Copertura telefonia cellulare:Discreta copertura solo presso Casa dell'Alpino, Colma di Belmello e Cima Sasso.
Punto di ristoro/colazione/merende: Casa dell'Alpino
Rifornimento di acqua: A Cicogna e presso Casa dell'Alpino

Descrizione dell’itinerario: Arrivati a Cicogna (VB), parcheggiate l’auto nel piccolo parcheggio vicino al bar e alla sede della Casa del Parco.Portatevi nelle parte alta del paese e imboccare la scalinata (accanto al monumento dei Caduti) che in breve vi porterà ad imboccare la bella mulattiera che con dolci tornanti e regolare salita vi porteranno all'alpe Prà (m 1250 s.l.m.) e poco sopra alla Casa dell'Alpino. Subito sopra alla Casa dell'Alpino, un facile sentiero entra nella faggeta per condurvi al caratteristico intaglio nella roccia, che vi permette di guardare verso la Val Pogallo. Proseguite in direzione N, per raggiungere i ruderi dell'alpe Leciuri (m 1311 s.l.m.). Prendete in direzione NW il sentiero che sale nella bella faggeta per aggirare il Monte Spigo. Siete a vista della Colma di Belmello che risalite lungamente attraverso la sua dorsale fino ad arrivare a un risalto di roccia da aggirare alla sinistra (prestare attenzione, tratto esposto, circa dieci metri). Arrivati ai piedi dell'ampia cuspide sommitale della Cima Sasso attraverso sfasciumi e coloratissimi rododendri arrivate in vetta. La discesa è affrontata lungo lo stesso itinerario di salita.

    Pubblicato in Escursionismo/Trekking   |  Commenta [0]

Scale di difficoltà in montagna

20 Giugno 2009

Nelle schede delle vie di salita sono riportate le difficoltà secondo 4 scale differenti, a seconda del tipo di terreno (sentiero, roccia, neve, ghiaccio) da affrontare nella via di salita e dell'eventuale utilizzo di attrezzatura tecnica.

La simbologia utilizzata segue la scala escursionistica, quella alpinistica UIAA (Welzenbach) e quella francese. In aggiunta è presente una notazione che identifica se si tratta di una salita alpinistica normale, su roccia o su ghiaccio.
DIFFICOLTÀ ESCURSIONISMO
T
turistico. Itinerari su strada, mulattiera o sentiero evidente e ben marcato; dislivello non superiore ai 1000 metri; elementare equipaggiamento da gita.
E
escursionistico. Itinerari più lunghi e non sempre su sentieri evidenti, possono comprendere tratti senza tracce o zone rocciose più ripide con passaggi in genere non molto esposti, a volte anche attrezzati; equipaggiamento adeguato, da montagna.
EE
per escursionisti esperti. Itinerari che possono richiedere anche facile arrampicata su roccia, con problemi d’esposizione, passaggi su nevai ed in generale l’attraversamento di zone impervie; equipaggiamento adeguato anche alla sicurezza individuale.
EEA
per escursionisti esperti con attrezzatura. Itinerari su vie ferrate o percorsi alpinistici attrezzati, dove la frequenza delle attrezzature, l’impegno fisico richiesto e la notevole esposizione rendono necessario l’uso di attrezzature per l’autoassicurazione e l’eventuale assicurazione reciproca.

DIFFICOLTÀ ALPINISMO - Scala UIAA (Welzenbach)
I
facile. È la forma più semplice di arrampicata, bisogna scegliere l'appoggio per i piedi e con le mani si utilizzano frequentemente appigli, ma solo per equilibrio.
II
poco difficile. Si richiede lo spostamento di un arto per volta ed una corretta impostazione dei movimenti. Appigli ed appoggi sono abbondanti.
III
abbastanza difficile. La struttura rocciosa è ripida o addirittura verticale, appigli ed appoggi sono meno abbondanti e può richiedere talvolta l'uso della forza. I passaggi non sono ancora obbligati.
IV
difficile. Appigli ed appoggi son più rari e/o esigui, si richiede una buona tecnica ed un certo grado di allenamento.
V
tremendamente difficile. Appigli ed appoggi sono rari ed esigui, l'arrampicata richiede tecnica e/o impegno muscolare. E' necessario normalmente l'esame preventivo del passaggio.
VI
estremamente difficile. Appigli ed appoggi sono esigui e disposti in modo da richiedere una combinazione particolare di movimenti ben studiati. La struttura rocciosa può costringere ad un'arrampicata molto delicata in aderenza o decisamente faticosa su strapiombo. Necessita allenamento e notevole forze nelle braccia e nelle mani.

DIFFICOLTÀ ALPINISMO - Scala Francese
F
F+ Facile (non presenta particolari difficoltà)
PD-
PD
PD+ Poco difficile (presenta qualche difficoltà alpinistica su roccia e neve, pendii di neve/ghiaccio fino a 35-40°)
AD-
AD
AD+ Abbastanza difficile (difficoltà alpinistiche su roccia e ghiaccio, pendii di neve/ghiaccio fino a 40-50°)
D-
D
D+ Difficile (difficoltà alpinistiche su roccia e ghiaccio, pendii di neve/ghiaccio fino a 50-70°)
TD-
TD
TD+ Molto difficile (forti difficoltà alpinistiche su roccia e ghiaccio, ghiaccio fino a 70-80°)
ED-
ED
ED+ Estremamente difficile (difficoltà alpinistiche estreme su roccia e ghiaccio, ghiaccio fino a 90°)

TIPO DI SALITA ALPINISTICA
A
salita alpinistica normale. Non richiede attrezzatura e non affronta passaggi di arrampicata, presenta zone ripide ed impervie, qualche passaggio un po' esposto, roccette non oltre il I/I+ grado.
AR
salita alpinistica su roccia. Affronta passaggi di arrampicata dal II grado in sù, richiede attrezzatura da arrampicata (corda, imbrago, rinvii, moschettoni, nuts e friends, eventuali chiodi, caschetto da roccia), necessita di esperienza ed allenamento.
AG
salita alpinistica su neve e ghiaccio. Affronta pendenze superiori ai 35°, creste e canali ghiacciati, richiede attrezzatura da arrampicata e da ghiaccio (corda, imbrago, rinvii, moschettoni, nuts e friends, eventuali chiodi da ghiaccio, piccozza, ramponi, caschetto da roccia), necessita di esperienza, capacità di valutazione ed allenamento.

DIFFICOLTÀ ARRAMPICATA
Tabella comparativa delle valutazioni di difficoltà su roccia
U.I.A.A. USA FRANCIA U.K. AUSTRALIA
I - - -
II
III
IV
V
VI+
VII+
VIII-
VIII
VIII+
IX-
IX
IX+
X-
X
X+

    Pubblicato in Consigli pratici   |  Commenta [0]

Come attivare la richiesta di soccorso in montagna

14 Giugno 2009

Chiamata di soccorso

Per attivare la procedura di richiesta di soccorso in montagna, è necessario digitare il numero breve 118 da qualsiasi telefono fisso o mobile. La chiamata è gratuita.
E’ la Centrale Operativa interessata, a stabilire i mezzi e le risorse da inviare sul luogo dell’incidente per l’immediato soccorso. Ogni provincia, dell’intero territorio italiano, fa riferimento a delle Centrali Operative di Emergenza 118, operative 24 ore su 24; pertanto, in qualsiasi caso d’incidente o di improvviso malore in montagna in cui si evidenzia una grave inabilità del soggetto, si deve chiamare solo ed esclusivamente la Centrale Operativa di Emergenza 118.

In montagna, ci sono zone dove la copertura di rete della telefonia cellulare mobile è scarsa o addirittura assente; è consigliabile, dunque, durante la salita, controllare le aree limite della copertura telefonica tenendo in considerazione che, chiamando il 118, è possibile che la chiamata cada su Centrali Operative di Emergenza 118 territorialmente diverse.
In tal caso, è sufficiente segnalare la località e la provincia da dove si sta chiamando, affinchè la richiesta di soccorso venga inoltrata immediatamente alla Centrale Operativa di Emergenza 118 competente.

Qualche utile consiglio

Generalmente, quando si chiama il 118, è l’Operatore che risponde a “pilotare” l’analisi, detta di “filtro sanitario” (che serve ad inquadrare in pochi secondi chi, come e cosa fare).
E’ fondamentale, anche nell’angoscia di un incidente o di una possibile tragedia, rispondere con calma alle domande dell’Operatore 118, cercando di:
1) fornite unicamente informazioni e/o particolari di cui si è assolutamente certi
2) fornire immediatamente il numero del telefono da cui si sta chiamando. Se la chiamata si dovesse interrompere è importante che il telefono venga lasciato libero, per consentire alla Centrale Operativa di richiamare immediatamente
3) fornire l'esatta località/zona da cui si sta chiamando (Comune, Provincia e in ogni caso un riferimento importante di ricerca, rilevabile sulla cartina, anche un toponimo in nome dialettale)
4) segnalare, se si ricorda, il numero di segnavia se ci si trova su un sentiero, o se si è su una via ferrata o di scalata segnalarne il numero o il nome (ad es. sentiero L1 che porta dall’Alpino al Mottarone, oppure, ferrata di Monte Alpetto in zona Grande Cengia, oppure al 4° tiro di corda sullo spigolo sud-est della Punta della Rossa ecc)
5) se si è in possesso di un altimetro, tarato prima di partire, fornire la quota del luogo dell’incidente 6) se si è in possesso di un GPS, fornire le coordinate
7) fornire indicazioni di cosa è visibile dalla posizione da cui si sta chiamando (pendio, bosco, cima, rifugio, campanile, torrente, ponte ecc)
8) se si vedono fili a sbalzo, teleferiche o linee elettriche, sopra o nelle vicinanze del luogo dell’incidente segnalarle all’Operatore della Centrale Operativa (sono, infatti queste, le problematiche più pericolose per un elicottero in volo di soccorso).


Cosa viene chiesto durante una chiamata di soccorso

In qualsiasi caso, prepararsi a rispondere alle seguenti domande:
cos’è accaduto (malore, incidente o altro evento) a che ora è successo
quante persone sono coinvolte
fornire le proprie generalità (questa informazione fa perdere solo alcuni secondi all'emergenza, ma è molto importante)

La parte legata allo stato di coscienza e ai parametri vitali delle persone coinvolte è sempre ed in ogni caso gestita dagli Operatori Sanitari del 118, e le domande, in genere, seguono questa traccia:

la persona coinvolta è cosciente, risponde se la si chiama e la si tocca?
la persona coinvolta respira?
perde sangue (se si, da dove)?
in che posizione si trova (seduto, disteso supino, prono, appeso, semi sepolto dalla neve, ecc)

Durante l’indagine conoscitiva, svolta dall’Operatore che sta organizzando la missione di soccorso, l’allarme è già scattato e i dati che si aggiungono successivamente, sono immediatamente trasferiti via radio o telefono alla squadra di soccorso.

Chiedere aiuto senza telefono

Il segnale acustico

E' possibile che l'infortunato e/o i suoi compagni non abbiano il cellulare o che la zona in cui ci si trova non abbia copertura telefonica; in questi casi, occorre saper fare delle segnalazione acustiche o visive corrette. Ecco quali e come effettuarle:
Un segnale di allarme, facilmente ricevibile in condizioni diurne, è quello acustico, effettuabile quasi esclusivamente con un leggerissimo fischietto.
Per questo metodo di allarme, è necessario inviare un suono breve (2 o 3 sec.) ogni 10 secondi per sei volte al minuto; dopo una pausa di un minuto si ripete nuovamente il suono di allarme, continuando sino alla ricezione di un segnale di risposta.
Il messaggio acustico in risposta (se ricevuto da chi può fornire aiuto) deve essere inviato ogni venti secondi per tre volte al minuto; dopo una la pausa di un minuto, si riprenderà la segnalazione.
Chi segnala l’avvenuta risposta ( e può fornire aiuto), deve chiamare immediatamente la Centrale Operativa di Emeregenza 118 ed eventualmente informare altri presenti per tentare, in assenza di pericoli, il raggiungimento di chi ha bisogno del soccorso, per tranquillizzarlo ed informarlo che i soccorsi sono stati allertati (se possibile, cercare di non muovere il ferito nell’attesa dei soccorsi).

A chiusura di questa breve indicazione, e in mancanza di altre raccomandazioni riferite a come segnalare l’avvenuta ricezione di chi lancia l’allarme, si consiglia, a chi chiede aiuto, di rispondere, confermando l’avvenuto ricevimento della risposta, con una segnalazione ad intermittenza ogni 3 secondi per circa 30 secondi (circa 10 suoni) ed una pausa di 2 minuti per poi riprendere la segnalazione, sino alla conferma definitiva di ricezione e allertamento soccorsi.

Il ricevente (chi può fornire aiuto) risponde con la stessa formula ad intermittenza (10 suoni in 30 sec. – pausa 2 min. – 10 suoni in 30 sec.). Quindi, a questo punto, appurato che chi chiama e chi riceve sono in contatto, il chiamante (chi ha bisogno di soccorso), con pause di 5 minuti, deve nuovamente lanciare segnali di allarme (uno ogni 10 secondi per un minuto) affinché i soccorritori possano dirigersi verso la fonte acustica del segnale.

Il segnale luminoso

Per la segnalazione luminosa, raccomandata di notte, si deve dirigere il raggio di una lampada portatile (oppure in mancanza il flash della macchina fotografica o del telefonino) verso un’ ipotetica fonte di ricezione del segnale (un rifugio, un alpeggio, un paese, ecc) e procedere, come per la segnalazione acustica, inviando un segnale luminoso ogni 10 secondi per sei volte al minuto; dopo una pausa di un minuto si reprendono le segnalazioni.
Il messaggio luminoso in risposta (quando è ricevuto) è inviato ogni venti secondi per tre volte al minuto; dopo una pausa di un minuto si riprende la segnalazione.
Al ricevimento dell’allarme e per la successiva risposta a chiusura di ricevimento della chiamata, procedere come indicato per la segnalazione acustica.

Chiamata Socc Acustico
Chiamata Socc Acustico risposta

Chimata Soccorso risposta 1

Chimata Soccorso risposta 2 IMM<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<br />
<em>Quando arriva l

Dopo la segnalazione dell’allarme, in condizioni atmosferiche ottimali, è possibile che il primo intervento arrivi sul posto attraverso l’elicottero del Soccorso Sanitario.

ATTENZIONE: I piloti di un elicottero di Elisoccorso, durante qualsiasi approccio al luogo dell’evento, si preoccupano di operare nella massima sicurezza dell’equipaggio a bordo e,soprattutto, di chi sta a terra.

Il volo in montagna, decisamente più complesso e difficile del volo in pianura, pone al comandante del mezzo una serie di problematiche a cui deve rispondere con grande responsabilità. Solo per questo motivo è opportuno conoscere alcune informazioni che possono facilitare l’arrivo del mezzo e ridurre i tempi di attesa.
Non è una norma, ma a volte accade che la ricerca del posto dell’incidente risulti più laboriosa del previsto; dall’elicottero la morfologia non cambia, ma si modifica la prospettiva e alcune volte è difficile che il mezzo riesca ad arrivare direttamente sul target (o bersaglio).
Quando l’elicottero si trova sul target (entro 200 - 100 metri dal luogo dell’incidente) rallenta ulteriormente la velocità, fino quasi a fermarsi. Potrebbe, però essere ancora necessario un aiuto dal basso. Quando, allora, da terra si vede l’elicottero in avvicinamento è indispensabile fornire ulteriori e più precise indicazioni.



Il richiedente del soccorso, per farsi identificare dall’alto, deve sollevare entrambe le braccia.
Il simbolo dell’uomo con braccia alzate a V significa internazionalmente “ho bisogno di soccorso” e che quella è la posizione esatta (o nelle immediate vicinanze) dove si necessita il soccorso.
Chiamata Elisoccorso
Se l’elicottero, durante la ricerca del luogo dell’incidente dovesse erroneamente circuitare sopra ad escursionisti non interessati alla chiamata di soccorso, chi si trova in quella situazione, si deve porre nella evidente posizione con un braccio alzato ed uno abbassato (a forma di mezza croce di Sant’Andrea) a significare “non ho bisogno di soccorso”.
Gli elicotteri di ultima generazione, sono molto potenti ed il flusso del rotore, incanalato nelle vallette o su ripidi pendii può innescare una turbolenza considerevole, al punto che una persona a terra, non ben appoggiata, potrebbe essere fatta barcollare. Serve molta attenzione e, se non si è interessati dall’incidente ci si deve riparare, prima dell’avvicinamento del mezzo, trattenendo tutte le cose mobili (zaini, caschi, coperte, ecc).
Se le condizioni della superficie del terreno non consentono un facile avvicinamento, l’elicottero si posiziona molto in alto, al punto di elisbarco, e cala l’equipe sanitaria con il cavo del verricello. E’ indispensabile, per chi è sul posto, mettersi al riparo e rimanere in quella posizione sino a che l’elicottero non si allontana.
In presenza di alberi ad alto fusto, si deve porre molta attenzione ai rami che la colonna d’aria del rotore può staccare e far cadere a terra, con il rischio di colpire chi sta sotto.
Se il terreno d’approccio è spazioso, ma non atterrabile, l’elicottero si avvicina (sino a pochi centimetri dal suolo) posizionandosi in “hovering” o “volo di stazionamento”.

ATTENZIONE: la colonna d’aria creata in questo caso, è ancora più imponente e pericolosa per chi si trova in zona. Non ci si deve, pertanto, muovere sino a che l’equipe sanitaria non è scesa a terra con il proprio materiale, e che l’elicottero decollando, abbandona l’area.
Se nella zona dove viene richiesto l’intervento dell’Elisoccorso, esiste la possibilità di atterraggio in area libera da ostacoli, (alberi ad alto fusto, tralicci, ecc.) si ricorda che un elicottero, per atterrare senza problemi e nella peggiore condizione atmosferica, ha bisogno di un area pianeggiante di almeno 30 passi per 40 (circa m 25 X 30).
Nel caso di atterraggio su aree spaziose, come quelle anzidette, è auspicabile la presenza di una persona a braccia alzate che segnali l’esatta posizione del target e la direzione del vento.
In condizioni invernali, può rendersi indispensabile l’atterraggio dell’elicottero su terreno innevato o ghiacciato. Chi si trova sul posto, deve segnalare lo spazio battendo una area di almeno 7 metri per lato (tanto quanto basta per l’appoggio dei pattini) ovviamente nella posizione più idonea e centrale ad un’area di dimensioni simili a quelle prima specificate.

ATTENZIONE: la neve polverosa sollevata dal flusso del rotore dell’elicottero vicino al suolo, può accecare e soffocare chi si trova nelle vicinanze per questo motivo, è indispensabile provvedere alla copertura di occhi, naso e bocca, riparandosi da eventuali pezzi di ghiaccio che potrebbero staccarsi dal suolo.


ATTENZIONE: l’avvicinamento all’elicottero è possibile solo dal cono di entrata creato dalla visuale del Comandante (come mostrato in immagine) e dallo specialista di bordo, che di norma si trova alla destra della prua. Qualsiasi movimento esterno all’elicottero, deve essere autorizzato esclusivamente seguendo le istruzioni del “personale di bordo” incaricato della sicurezza esterna del mezzo.
Imbarco su elicottero

Principali Numeri telefonici di Soccorso

Italia: 118
Francia: 15
Svizzera: 144
Austria: 144

    Pubblicato in Consigli pratici   |  Commenta [3]

© 2009 Montagnamente.it - P.Iva 01277860035 - Regolamento - info@montagnamente.it